La digitalizzazione sta facendo evolvere rapidamente tutto l’ambito della sicurezza, permettendo alle soluzioni di security di ampliare sensibilmente il proprio raggio d’azione. In particolare, di giocare un ruolo importante anche nel campo dell’automazione domotica e di edificio. In questo senso, i sistemi Medea di Elkron sono compatibili con il protocollo Konnex (KNX), ossia con lo standard tecnologico di riferimento nel campo dell’automazione e del controllo residenziale, commerciale e industriale.

Interfaccia Domotica: ID100KNX – il ponte tra Medea e l’ambiente Konnex

Tecnicamente, il dialogo tra la centrale di un sistema Medea e un ambiente Konnex avviene tramite l’installazione dell’interfaccia ID100KNX: posta sulla stessa rete della centrale, fa da “ponte” tra il sistema Medea e i dispositivi di home/building automation collegati al bus KNX. La comunicazione attivata dall’interfaccia è bidirezionale, quindi il sistema di sicurezza Medea può controllare le periferiche di automazione domestica e di edificio, come anche ricevere da queste ultime le informazioni di stato e di allarme.

La versatilità: la risorsa chiave del protocollo Konnex

Il punto di forza di Konnex, e la ragione principale del suo successo di mercato, è la versatilità. Un sistema KNX può prevedere connessioni di tipo diverso (bus seriale, collegamenti radio, IP…) tra una molteplicità di dispositivi di monitoraggio, come sensori di movimento e rilevatori di gas o fumo, e di controllo. Ciascun nodo ospita a bordo una applicazione specifica e dialoga con gli altri, realizzando una architettura concettualmente semplice ma potente e con cui realizzare sistemi di automazione anche molto complessi. Inoltre, Konnex è uno standard aperto e ciò ha portato allo sviluppo di un ricco mercato di dispositivi: migliaia di prodotti, tutti garantiti come interoperabili grazie ai test di conformità alla certificazione KNX.

Nuove opportunità di utilizzo per la centrale Medea

Poter combinare in maniera trasparente le funzioni di sicurezza tipiche di Elkron con quelle di automazione del mondo Konnex apre la strada a nuovi scenari di utilizzo per le centrali Medea. Che a questo punto possono fare da “cuore” di un sistema completo di sicurezza e automazione, in una integrazione che viene richiesta sempre più spesso dagli utenti residenziali ma anche – anzi soprattutto, per la complessità delle loro installazioni – dagli utilizzatori in ambito commerciale ed industriale.

I benefici per l’installatore

Dal punto di vista dell’installatore il beneficio è quindi duplice. Da un lato, in ambito residenziale il sistema Medea acquista nuove possibilità di automazione di fascia alta che lo rendono decisamente più evoluto e appetibile rispetto alle altre soluzioni di sicurezza e home automation, in particolar modo quelle proposte sempre più spesso da aziende dell’elettronica consumer. Queste puntano proprio sulla semplificazione dell’automazione domotica, senza però offrire funzioni e caratteristiche di livello adeguato quando si tratta di sicurezza e di affidabilità complessiva dell’impianto.

Dall’altro lato, in ambito commerciale ed industriale, poter integrare nativamente le soluzioni Medea con la piattaforma chiave della building automation dà la possibilità di affrontare progetti di sicurezza e automazione che spaziano dalla singola installazione residenziale sino a edifici, fabbriche, alberghi, spazi pubblici. Qui le funzioni evolute dell’architettura Medea si combinano in modo ideale con le funzioni e l’ampio parco prodotti del consolidato mondo Konnex, a tutto vantaggio dell’utente finale.

Leggi Anche

Il Teatro Gobetti sceglie la centrale antincendio FAP544
L'impianto con centrale Elkron FAP544 rappresenta una concreta evoluzione per la protezione antincendio del Teatro Gobetti: cura per i dettagli e rispetto per l'estetica dei beni culturali si coniugano efficacemente con la sicurezza, il monitoraggio e la prevenzione degli eventi avversi.